ARTISSIMA METTE IN LUCE L’ARTE

Lasciati guidare in un viaggio alla ricerca dell’espressione creativa.

ARTISSIMA METTE IN LUCE L’ARTE

 

 

 

Ypsilon è nuovamente pronta ad accompagnare gli amanti dell’arte in un viaggio esclusivo, alla scoperta delle più recenti espressioni artistiche.
Per il quarto anno consecutivo, infatti, il Brand è sponsor di Artissima, l’importante fiera d’arte contemporanea che si terrà a Torino, dal 2 al 4 novembre.

 ​​

Il tema caratterizzante la partecipazione di Ypsilon è l’attenzione ai dettagli: la Fashion City Car sarà esposta su un set dinamico e artistico e sarà la protagonista di una appassionante “scoperta del messaggio”. Il pubblico potrà esplorare preziosi dettagli della vettura scattandole una foto con il proprio smartphone. Quando il flash illuminerà la livrea della Ypsilon esposta, emergeranno messaggi nascosti che ne sveleranno la seducente personalità.

 

Si rinnova infine anche il progetto Ypsilon St’Art Tour, grazie al quale sarà possibile viaggiare tra le sale della manifestazione guidati da professionisti dell’arte contemporanea. Approfitta delle esclusive visite per apprezzare fino in fondo sfumature e dettagli delle installazioni esposte.
È possibile registrarsi gratuitamente a una delle 6 visite giornaliere allo stand Lancia o inviando un’email. Scrivi subito all’indirizzo segreteria@artissima.it con oggetto “Ypsilon St’Art Tour” e ricordati di indicare:
​​​

  • Giorno e ora della visita
  • Nome e Cognome di chi parteciperà al tour
  • Numero di persone per le quali si desidera prenotare
  • Numero di cellulare

Gli appuntamenti Ypsilon St’Art Tour:
ore 13.00
CITTÀ INVISIBILI: l’architettura nell’arte.
Architetture disegnate, dipinte, fotografate, scolpite, digitali; costruzioni evocate, discusse, negate, decontestualizzate, decostruite; paesaggi urbani, oggetti domestici, mondi virtuali: le relazioni con lo spazio, la sua esplorazione e i linguaggi per raccontarlo; consonanze e ibridazioni fra arte e architettura.

ore 14.00
TRADIZIONI CONTEMPORANEE: echi dal passato.
Le tradizioni del passato che risorgono per dare linfa alle sperimentazioni contemporanee; memorie artigiane, antiche leggende, pratiche popolari che rivivono nel presente, attraverso l’arte, per tener vivo il ricordo di quello che siamo stati e per accompagnarci in un futuro ancora incerto; gli artisti contemporanei che, sempre più spesso, si nutrono di antiche storie e tradizioni, non solo afferenti all’ambito artistico, per affrontare temi e problematiche del mondo di oggi.

ore 15.00
THE FUTURE IS NOW: le sperimentazioni contemporanee.
La fiera come strumento per essere costantemente aggiornati; molteplicità dei media nelle pratiche artistiche contemporanee; giovani artisti e la pluralità delle ricerche: sovvertimento di narrazioni radicate e ufficiali, produzione di nuovi significati e altre rappresentazioni, esplorazione fisica dello spazio urbano e il ruolo dell’immaginazione, indagine sulle dicotomie moderne, ricerca sull’identità e sulla postumanità occidentale, vecchie e nuove visioni interpretative attraverso l’eredità e le pressioni della storia dell’arte.

ore 16.00
IMMERGERSI NELL’ASCOLTO: dalla performance al video passando per il suono.
Alfabeti visivi e sonori; mezzi che diventano linguaggi; la poetica del suono nello spazio-tempo; contaminazione e interazione di media nell’arte contemporanea a partire dal rapporto del ritmo con l’immagine in movimento e del suono come medium tra artista e spettatore; storia della Sound Art e le sue declinazioni contemporanee: sound archeology, sound design, paesaggi sonori.

ore 17.00
LOOKING CLOSE, SEEING FAR: sguardi oltre i confini.
Visioni e proposte di gallerie internazionali, dall’America Latina al Medio Oriente; la fiera come spaccato di un mercato globale; linguaggi e narrazioni emersi da contesti territoriali specifici in rapporto alle dinamiche internazionali del sistema dell’arte; indagine tra immaginazione collettiva globalizzata e autonomia delle ricerche locali.

ore 18.00
UNA STORIA FATTA DI DETTAGLI: 25 anni di Artissima.
Quando nascono le prime fiere d’arte contemporanea? Da quali sistemi ed esigenze prendono forma? La fiera torinese: la sua storia e le sue trasformazioni nel tempo, a venticinque anni dalla sua nascita; come è cambiata la fiera al suo interno - sezioni, mostre, premi - e le sue relazioni e “intersezioni” con il territorio e con il mondo dell’arte globale.

​​​

Torna alle news